Seguici    
Accedi
 

Clara Luce: l`ambasciatrice

Clare Boothe Luce è stata l’ambasciatrice americana che per qualche anno, col suo stile glamour, ha riempito le pagine dei rotocalchi dell’Italia del boom.

Clara Luce, come la chiamavamo allora, non è stata soltanto la signora bene, vestita come una diva di Hollywood, che distribuiva aiuti ai poveri italiani, ma il primo ambasciatore donna degli Stati Uniti in Italia in un momento cruciale per i rapporti tra i due paesi e che riuscì a ritagliarsi un ruolo determinante e di interferenza sulla politica di quegli anni.

L’ambasciatrice arriva in Italia nel 1953  poco prima delle elezioni che segnano la fine del centrismo degasperiano e comincia  la sua battaglia contro il PCI. Sono passati tre anni e mezzo, è il 1956, il suo mandato non è ancora scaduto ma Clare Boothe Luce è vittima di un misterioso malessere, pensa a un sabotaggio comunista e lascia Roma rinunciando all’incarico. 

Perché è stata scelta, come ha lavorato in Italia, quale era il contesto storico internazionale in quegli anni e quale situazione trova nel nostro paese nel 1953?

Clara Luce: l'ambasciatrice
con Francesco Perfetti
di Michela Guberti

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo