Seguici    
Accedi
 

Craxi, statista controverso

Gli anni '80 sono un momento di grande trasformazione del nostro paese, un decennio in cui si rompono gli equilibri politici e sociali consolidatisi dal dopoguerra, a favore di uno scenario completamente nuovo.

Tra i tanti attori di questa stagione, forse il protagonista è Bettino Craxi. Un personaggio che Massimo Bernardini analizza con il professor Giovanni Sabbatucci a “Il Tempo e la Storia”, il programma di Rai Cultura.

La figura di Craxi è certamente una delle più controverse della nostra storia repubblicana. A quarant'anni prende in mano un Partito socialista in profonda crisi e lo fa diventare protagonista dei nuovi equilibri politici.

E' tra i primi a inaugurare la stagione del leaderismo, della figura carismatica che raccoglie attorno a sé il consenso, con le luci e le ombre di questo fenomeno.

Traghetta l'Italia verso un ruolo di primo piano tra i paesi industrializzati e conduce una politica estera coraggiosa. Nello stesso tempo incarna ed esaspera i vizi di una classe politica che sarà spazzata via dal ciclone Tangentopoli; diventandone l'emblema.

Contraddizioni che ancora oggi rendono difficile fare un bilancio del suo contributo alla storia d'Italia.

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo