Seguici    
Accedi
 

Diario Civile. Giovanni Falcone. C`era una volta a Palermo

A più di 30 anni dalla strage di Capaci, la figura di Giovanni Falcone è una delle più amate nell'immaginario collettivo di chi combatte la mafia e si impegna per la legalità, non soltanto in Italia. Il suo metodo investigativo e le sue capacità strategiche facevano di Falcone un "fuoriclasse" la cui autorevolezza era riconosciuta in tutto il mondo, prova ne è l'omaggio del Congresso Americano in occasione della sua morte. 
Il racconto della vita di Falcone abbraccia il suo rapporto con Paolo Borsellino, gli anni del pool di Palermo, i mesi dei veleni, l'anno alla Direzione dell'Ufficio Affari Penali al Ministero di Grazia e Giustizia, a Roma. Tra i testimoni che ricostruiscono la vita di Falcone e raccontano il proprio rapporto con lui, la sorella Maria, il nipote Vincenzo Di Fresco, il Presidente del Senato Pietro Grasso, gli ex giudici del pool antimafia Leonardo Guarnotta e Giuseppe Di Lello, l'ex Sostituto Procuratore di Palermo, Giuseppe Ayala, l'ex Ministro di Grazia e Giustizia, Claudio Martelli, Il Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di Palermo, Roberto Scarpinato, il Comandante Regionale Guardia di Finanza Sicilia, Ignazio Gibilaro, l'ex Comandante Sezione Antimafia Palermo, il Generale Angiolo Pellegrini, e i giornalisti Francesco La Licata, Marcelle Padovani, Attilio Bolzoni e Giovanni Bianconi.

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo