Seguici    
Accedi
 

GAP - L`Italia che risuona: i suoni di San Michele

Ambrogio Sparagna ci porta nei luoghi della propria infanzia, nell’ultima tappa di questo viaggio attraverso le tradizioni musicali popolari. Il Santuario di San Michele, un piccolo eremo rupestre sul Monte Altino, di fronte al golfo di Gaeta, è per tutti gli abitanti della zona un luogo familiare, ogni anno, infatti, a giugno, migliaia di fedeli danno vita ad una solenne processione, trasportando a spalla la statua di San Michele, dal borgo di Maranola fino alla cima del monte. Durante la processione, che si inerpica sui ripidi e spettacolari Monti Aurunci, i pellegrini cantano gli antichi inni a San Michele. Nei giorni precedenti tutto il paese si prepara alla festa, si raccolgono gli strugli, dei fiori locali, con cui si accendono dei fuochi attorno ai quali i suonatori si riuniscono per provare i canti della processione. La sincera devozione all’Arcangelo Michele e la volontà di ricostruire un segno di continuità con il proprio passato animano ancora questa antica festa tradizionale, che commuove ed emoziona, una bella immagine di un’Italia che risuona con rinnovata energia, grazie alla presenza di tanti giovani musicisti popolari.