Seguici    
Accedi
 

Giovanni De Luna: Berlino capitale della Germania unita

Con 338 voti contro 320 Berlino diventa capitale della Germania e sede unica del parlamento e del governo federale. 

Spiega lo storico Giovanni De Luna: Siamo alla tappa finale di un processo cominciato il 9 novembre 1989 con l’abbattimento del famoso muro che spaccava in due quella citta’. Ecco, dopo quell’evento, la riunificazione delle due Germanie quella democratica e quella federale, della Germania dell’est e della Germania dell’Ovest, della Germania capitalista e della Germania comunista divento’ una sorta di necessita’. Non piu’ una possibilita’ ma una necessita’. La Germania dell’est, la Germania ex comunista rischiava il tracollo. In questa direzione ci si adeguo’ attraverso tappe successive. La prima fu quella di un’unificazione economica e monetaria, poi ci fu l’unificazione politica istituzionale vera e propria con i 5 Länder della Germania Democratica che furono assorbiti all’interno della Repubblica Federale Tedesca in un unico organismo. Poi, nel dicembre del 1990 ci furono le prime elezioni libere che videro il trionfo con il 43 percento dei voti dei cristiani democratici di Helmut Kohl. Il cancelliere Kohl fu l’artefice della riunificazione. Il successo elettorale sanci’ questo suo ruolo, sanci’ questo tipo di riconoscimento. Vorrei che una cosa fosse chiara: ci fu un grosso sacrificio da parte della Repubblica Federale Tedesca per accollarsi tutti i debiti e il tracollo economico dei loro fratelli dell’est. Pero’ i tedeschi dell’ovest lo fecero. Lo fecero aumentando le loro tasse, pagando di tasca propria, in qualche modo svenandosi nel nome di quella che era l’Unita’ nazionale, di quella che loro consideravano una patria comune.

Vedi le altre puntate