Seguici    
Accedi
 

Hans Christian Andersen secondo Bruno Berni

“Andersen è famosissimo ma purtroppo l’equivoco è che sia un narratore per bambini”: con Bruno Berni, traduttore dal danese di Hans Christian Andersen e suo massimo esperto in Italia, ricostruiamo la formazione, l’opera e la fortuna di questo scrittore molto celebrato, ma poco conosciuto nella sua interezza. Composte e pubblicate fra il 1835 e il 1872, le fiabe di Hans Christian Andersen si discostano dalla tradizione precedente, attingendo solo in pochi casi al patrimonio della fiaba popolare e aprendo ad aspetti autobiografici e soprattutto ad oggetti di uso comune che vengono dotati di vita propria. In Italia i testi di Andersen arrivarono abbastanza presto, ma in traduzioni di seconda mano (dal francese e poi dal tedesco invece che dall’originale danese) e spesso i testi venivano ridotti per dar spazio alle illustrazioni. Nel 2001 la casa editrice Donzelli ha proposto un’edizione contenente tutti e 156 i testi di Andersen, curata da Bruno Berni, e ripubblicata nel 2005. Dal 2014 è disponibile una nuova edizione di questi testi, magnificamente illustrata da Fabian Negrin.

 

Hans Christian Andersen nasce il 2 aprile 1805 figlio di un calzolaio di Odense in Fionia. Nel 1819, a soli quattordici anni, parte per Copenaghen con l’intento di diventare un artista. Dopo vari tentativi, approda con grandi difficoltà alla scrittura. Grazie all’interessamento di Jonas Collin, direttore del Teatro reale di Copenaghen, Andersen riesce a dotarsi di un’istruzione di base e poi a compiere viaggi in tutta Europa. Il successo arriverà con il romanzo L’improvvisatore, (1835) ambientato in Italia. Nello stesso anno, inizia a pubblicare la serie di fiabe e storie che lo renderanno celebre.

 

Bruno Berni è nato a Roma il 2 marzo 1959. Laureato in lingue e letterature nordiche e in letteratura tedesca nel 1983 alla Sapienza di Roma, dal 1993 è direttore della biblioteca dell'Istituto Italiano di Studi Germanici a Roma, dove ha il ruolo di ricercatore. Ha insegnato lingua e letteratura danese all'Università di Urbino e all'Università di Pisa e lingua danese alla LUISS di Roma. A partire dal 1987 ha pubblicato numerose traduzioni di autori classici e moderni prevalentemente danesi, ma anche svedesi, norvegesi e tedeschi. Ha scritto saggi su autori scandinavi in riviste italiane e danesi, pubblicato volumi monografici e bibliografie e recensito opere nordiche in alcuni quotidiani.

Vedi le altre puntate