Seguici    
Accedi
 

I gerarchi nazististi: Baldur von Schirach

Baldur von Schirach, raffinato uomo di cultura, tribuno del popolo dai natali aristocratici, ha forgiato per il Führer la gioventù tedesca. Pifferaio magico, padre carismatico e padre spirituale di questi ariani destinati a dominare il mondo, ha saputo creare una ragnatela avvolgente, ineludibile, in cui sono confluite via via tutte le organizzazioni giovanili.
Quando nel 1939 Hitler invade la Polonia, i giovani di von Schirach smettono la divisa e indossano l’uniforme. Nel 1940 il Führer lo nomina governatore dell’Austria: la sua missione è quella di informare l’anima di un popolo ai principi dell’ideologia nazista. Ma a poco a poco nasce in Baldur e in sua moglie Henriette, figlia del fotografo personale di Hitler, il sospetto di aver seguito un folle. Henriette avrà il coraggio di dirlo apertamente nel corso di una intervista radiofonica riportata nell’unità didattica.
Al processo di Norimberga, dopo aver visto le terrificanti immagini del lager, von Schirach si dichiarerà "colpevole di aver educato la gioventù per un uomo che ha assassinato milioni di persone". Condannato a venti anni di reclusione, uscirà dal carcere di Spandau nell’ottobre del 1965. Morirà l’8 agosto 1974.

Vedi le altre puntate