Seguici    
Accedi
 

Il diario di una "mamma in pappa" di Gaia Manzini

"Forse siete diventate madri dopo il primo sguardo al test di gravidanza; avete subito capito cosa fare e come riorganizzare la vostra esistenza meglio di wonder woman. Beate voi. Se invece vi siete accorte di essere diventate mamme solo dopo mesi dalla nascita del fagottino; se le pappe per voi sono una formula alchemica e vi è pure venuto il gomito dell’imboccatrice; se ormai il suono della mail èil diversivo più eccitante di tutta la vostra giornata; se ogni tanto rimpiangete l’ufficio; se la prima volta che siete uscite di nuovo la sera, vi siete addormentate con la cannuccia del cuba libre in bocca; se ora in palestra vi sentite delle marziane e per voi trentotto di febbre vuol dire relax; se vi tocca disquisire sui cibi da femmina e i cibi da maschio; se vostro figlio odia le verdure e urla “Mi t’ingollo!” alla bistecca, nonostante le buone maniere che impartite, allora questo diario è per voi".

Diario di una mamma in pappa (Laterza) è il viaggio che Gaia Manzini, genitrice recente, inesperta e molto divertente di quella che lei stessa definisce "la sua piccola Mangiacarote", ha intrapreso per raccontare l'esperienza totale della maternità. Emozioni, dubbi, qualche vittoria e un nutriente diversivo per la ragazza, la donna, la femmina che c’è dentro ogni mamma.
 

Gaia Manzini è nata a Milano, ma vive a Roma. Ha lavorato per dieci anni nel campo della comunicazione. Nel 2009 ha esordito con la raccolta di racconti Nudo di famiglia (Fandango, finalista Premio Chiara) e nel 2012 è uscito il romanzo La scomparsa di Lauren Armstrong (Fandango, selezione Premio Strega e finalista Premio Rieti). Alcuni suoi racconti sono comparsi su riviste e quotidiani e nelle raccolte Il lavoro e i giorni (Ediesse 2008) e Lieve sia la terra (Textus edizioni 2010). Collabora con la rivista letteraria “Nuovi Argomenti” e ha scritto per il quotidiano “l’Unità”.

Vedi le altre puntate