Seguici    
Accedi
 

Il muro di Berlino

Per festeggiare il ventennale della caduta del muro di Berlino, il Comune capitolino  manda in scena “Venti di libertà. 1989-2009 Roma celebra la caduta del Muro di Berlino”, una serie di iniziative - spettacoli, installazioni, mostre, convegni e conferenze – ambientate in piazze, musei e gallerie d’arte della città.

Il programma ha preso il via sulla scalinata di piazza di Spagna con “Un muro percepito”,  installazione multimediale visibile sino al 18 novembre ideata da Tony Shargool di Media Picture International: un’opera  che rievoca lo storico evento attraverso suggestioni luminose e sonore.

Il fulcro dell’iniziativa è rappresentato da due importanti mostre d’arte contemporanea in programma fino al 31 gennaio 2010 presso il Macro Future:

 

- “Apocalypse wow! apocalittici - pop surrealisti - creatori di mondi senza frontiere”, a cura di Julie Kogler e Giorgio Calcara, celebra la caduta di un altro muro che teneva separate espressioni, tendenze e correnti artistiche assai presenti nella realtà quotidiana, ma emarginate dal sistema ufficiale dell`arte. La mostra offre una selezione di circa 80 opere, tra dipinti, sculture e installazioni dei principali esponenti internazionali del pop surrealismo, del neo pop e della urban art che hanno caratterizzato la nascita del cosiddetto mondo globale.


- “Via libera - Viva la libertà” – è un’antologia visiva e sonora del crollo del muro fatta di immagini, foto, oggetti, pannelli storico-esplicativi e tecnologie multimediali, che permette fra l’altro di rivivere i momenti dell’abbattimento e delle prime feste popolari attraverso i servizi dell’epoca proposti dai telegiornali di Berlino est e ovest.

Alla manifestazione aderiscono inoltre 31 gallerie d’arte romane che propongono mostre ed eventi ad ingresso gratuito allestiti per l’occasione.

“Venti di libertà” è promossa dal Comune di Roma in collaborazione con il Dipartimento per il coordinamento delle Politiche Comunitarie della Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Goethe Institut di Roma, con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania e con il contributo delle Banche Tesoriere del Comune di Roma (BNL Gruppo BNP Paribas, Unicredit Banca di Roma e Monte dei Paschi di Siena).

L’organizzazione è curata da Zètema Progetto Cultura.

 

Sedi:

 

Macro Future
piazza Orazio Giustiniani 4, Roma
 

Orari:

martedì-domenica dalle 16 alle 24
Chiuso il lunedì, il 24, 25 e 31 dicembre, il 1 gennaio
 

Biglietti:

 

Per festeggiare il ventennale della caduta del muro di Berlino, il Comune capitolino  manda in scena “Venti di libertà. 1989-2009 Roma celebra la caduta del Muro di Berlino”, una serie di iniziative - spettacoli, installazioni, mostre, convegni e conferenze – ambientate in piazze, musei e gallerie d’arte della città.

Il programma ha preso il via sulla scalinata di piazza di Spagna con “Un muro percepito”,  installazione multimediale visibile sino al 18 novembre ideata da Tony Shargool di Media Picture International: un’opera  che rievoca lo storico evento attraverso suggestioni luminose e sonore.

Il fulcro dell’iniziativa è rappresentato da due importanti mostre d’arte contemporanea in programma fino al 31 gennaio 2010 presso il Macro Future:

 

- “Apocalypse wow! apocalittici - pop surrealisti - creatori di mondi senza frontiere”, a cura di Julie Kogler e Giorgio Calcara, celebra la caduta di un altro muro che teneva separate espressioni, tendenze e correnti artistiche assai presenti nella realtà quotidiana, ma emarginate dal sistema ufficiale dell`arte. La mostra offre una selezione di circa 80 opere, tra dipinti, sculture e installazioni dei principali esponenti internazionali del pop surrealismo, del neo pop e della urban art che hanno caratterizzato la nascita del cosiddetto mondo globale.


- “Via libera - Viva la libertà” – è un’antologia visiva e sonora del crollo del muro fatta di immagini, foto, oggetti, pannelli storico-esplicativi e tecnologie multimediali, che permette fra l’altro di rivivere i momenti dell’abbattimento e delle prime feste popolari attraverso i servizi dell’epoca proposti dai telegiornali di Berlino est e ovest.

 

Vedi le altre puntate

Mostre

Focus

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo