Seguici    
Accedi
 

Jane Urquhart: i segreti degli adulti

All’inizio di Sanctuary Line della scrittrice canadese Jane Urquhart (traduzione di Nicola Manuppelli, Nutrimenti) sappiamo solo che Liz, l’io narrante, studia le farfalle, è tornata a vivere nella fattoria dello zio in cui passava le estati da ragazza, che ha una madre in casa di riposo, e che ha assistito al funerale della cugina Mandy morta in missione in Afghanistan. Siamo nell’Ontario del Sud e la protagonista, mentre rievoca il passato splendore della fattoria e osserva le migrazioni delle sue farfalle, semina indizi sulla catastrofe che si è abbattuta sulla sua famiglia. A dominare la narrazione è il personaggio dello zio Stanley, un uomo vulcanico, sempre pronto a intraprendere nuove attività e a stregare gli altri con i suoi racconti. Sappiamo che lo zio a un certo punto è sparito nel nulla, che sua moglie si è lasciata andare, che la figlia amante della poesia è finita nell’esercito, ma per capire cosa è successo, dobbiamo aspettare che il racconto di Liz si dipani, coinvolgendo la figura di Teo, un suo coetaneo che veniva dal Messico con la madre a raccogliere i frutti nella fattoria. Urquhart rievoca la magia vissuta da una banda di ragazzi che si ritrovavano ogni estate in campagna e la fine traumatica di tutto causata dall’irresponsabilità degli adulti. Una prosa raffinata e magnetica che trascina con sé il lettore, facendogli sentire come sia possibile fare male alle persone a cui si vuole più bene.

Jane Urquhart ha partecipato a Mantova a Festivaletteratura. L’abbiamo incontrata a Palazzo Castiglioni.

Jane Urquhart nasce nel 1949 in una piccola città mineraria dell'Ontario. La famiglia di origine irlandese si trasferisce a Toronto quando lei ha ancora sei anni. Dopo la maturità si iscrive a un corso di laurea in Letteratura inglese alla Guelph University e si sposa con Paul Keele. Rimane vedova a soli ventiquattro anni e tale esperienza eserciterà un forte influsso anche sulla sua scrittura. Nel 1976, dopo una seconda laurea in Storia dell'arte, si sposa con l'artista Tony Urquhart. Dalla poesia Jane passa alla stesura di racconti e nel 1986 esordisce con il romanzoNiagara, che si aggiudica importanti premi letterari. A oggi l'autrice, nominata ufficiale dell'Ordine del Canada, ha pubblicato tre raccolte di poesie e otto romanzi; ha inoltre curato il Penguin Book of Canadian Short Stories e una raccolta di racconti di Alice Munro.

Vedi le altre puntate