Seguici    
Accedi
 

L’occupazione femminile nell’Italia del 1959. Un’inchiesta di Ugo Zatterin

L’audiovisivo propone un`inchiesta, condotta da Ugo Zatterin nel 1959, sull`occupazione femminile in Italia. Un "fenomeno moderno", che si è diversamente sviluppato nel resto del mondo e pone il nostro paese in una posizione intermedia tra nazioni molto avanzate e altre piuttosto arretrate.
Si tratta anche da noi di vincere alcuni pregiudizi, tra cui la supposta minore intelligenza delle donne e la loro maggior emotività. Per sbarazzare il campo da ogni dubbio, Zatterin ricorre alla scienza: un docente di psicologia e genetica dimostra, statistiche alla mano, che le donne non sono intellettualmente inferiori agli uomini; un medico invece spiega le ragioni fisiologiche per cui la donna non dovrebbe sottoporsi a lavori fisicamente pesanti.
Sono altri però gli ostacoli che emergono a livello sociale. Gli intervistati di un paese del meridione non permettono alle loro mogli di uscire dal proprio ambiente per cercare lavoro e, anche in città, un padre benestante preferisce che la figlia resti a casa.
Dalle testimonianze delle lavoratrici emerge inoltre che, per la maggior parte di loro, il lavoro è una necessità, essendo vedove, sinistrate di guerra, giovani con famiglia a carico, orfane o trovandosi in altre condizioni di disagio. Raramente è una libera scelta.
L`unità si chiude ricordando le norme che tutelano il lavoro femminile, quasi mai rispettate e spesso sconosciute.

Vedi le altre puntate