Seguici    
Accedi
 

La croce e la spada. Santa Caterina

Ventitreesima figlia di un tintore, Caterina nasce a Siena nel 1347. Fin da piccola decide di non sposarsi e vive in una piccola cella, in casa, vestendo la tunica bianca e il mantello nero dei domenicani. Passa la vita dedicandosi attivamente alle opere di carità, curando i malati e i lebbrosi e assistendo i condannati a morte. Secondo la tradizione muore a Roma a trentatré anni, nel 1380, sfinita dalle troppe penitenze. Viene canonizzata da un papa di Siena, Pio II, nel 1461. Alla santa e ai luoghi di culto a lei legati è dedicato “La croce e la spada”, in onda lunedì 19 giugno alle 21.10 su Rai Storia. In primo piano l’imponente basilica di San Domenico, una costruzione in stile gotico iniziata nel XIII secolo, molto frequentata da Caterina durante la sua vita. All’interno della struttura è conservata la Sacra Testa di Santa Caterina, collocata su un  altare marmoreo dello scultore Giovanni di Stefano. Sono, inoltre, presenti capolavori pittorici del Sodoma, come "L'estasi di Santa Caterina" e "Santa Caterina cade tramortita dopo ricevute le stimmate". Oltre alla basilica, nella città di Siena è presente la Casa Santuario di Santa Caterina. Al di là del porticato c'è una celletta, dove sono custoditi oggetti legati alla Santa: il bastone usato per sorreggersi, la boccetta nella quale metteva gli aromi per alleviare i dolori dei malati e la borsa in seta che contenne la sua testa quando fu staccata dal corpo sepolto a Roma e trasportata a Siena. Notevole è inoltre l'Oratorio del Crocifisso, costruito nel 1623 sull'orto della famiglia di Caterina per custodire il crocefisso che secondo la tradizione le procurò le stimmate. Sono importanti anche le preziose ceramiche: vasi di porcellana stupendamente decorati, usati per contenere l'olio della lampada votiva, offerti in occasione delle Festa che ogni anno viene celebrata a Siena in onore di Santa Caterina. Ma tracce della vita della Santa sono presenti in tutta la città.

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo