Seguici    
Accedi
 

La salute e la malattia: i confini

Da sempre la conoscenza medico-scientifica ha contribuito al miglioramento delle condizioni di vita degli esseri umani. Ma negli ultimi cinquant`anni il rapporto della scienza con i suoi oggetti è profondamente cambiato: è emerso il ruolo fondamentale rivestito dalla cultura in relazione al sapere.
Come documentano le immagini e le interviste contenute nell’unità, nessun oggetto della conoscenza è dato al di fuori della cultura che lo conosce, in modo particolare nel contesto relativo alla salute.
L'antropologo Tullio Seppilli (Padova, 1928 – Perugia,  2017) sottolinea le difficoltà incontrate dagli antropologi nell’individuare il confine tra patologia e religiosità nelle pratiche mediche empiriche e popolari. François Lupu, antropologo medico, si sofferma sulla necessità di considerare il codice elaborato da ogni cultura in relazione ai segni di malattia. Le diverse modalità di catalogazione delle malattie possono essere definite ‘sindromi culturali’. Antonio Guerci, biologo umano, studioso di etnomedicina, pone l’accento sulla difficoltà di comprensione e di traduzione dei concetti tra i diversi sistemi di salute, ad esempio tra la medicina occidentale e quella tradizionale cinese.

Vedi le altre puntate