Seguici    
Accedi
 

La scuola ai tempi del boom

Un viaggio tra gli insegnanti, gli scolari e le famiglie degli anni ’50. Per conoscere la scuola di quegli anni e per capire in che senso l’istruzione del dopoguerra sia la chiave per capire la nascita dell’Italia moderna, come sostiene lo storico Mauro Canali.

Per farlo, partiamo però dalla scuola d'inizio ‘900. Con tutti i limiti della società di quell’epoca, infatti, la scuola dell’Italia liberale nata dal Risorgimento aveva cercato di ridurre la distanza tra le famiglie agiate che avevano il sapere e quelle povere che erano condannate all’ignoranza. Poi con il fascismo gli obiettivi cambiano: la scuola diventa parte del progetto totalitario e all’istruzione va il compito di  formare dei perfetti cittadini fascisti.
Dopo la disfatta, l’italia che esce dal Secondo conflitto mondiale compie uno sforzo enorme per l’istruzione. I  problemi da affrontare sono molto profondi e la riforma diventa necessaria.

Infine, in occasione della settimana che la Rai dedica al lancio delle iniziative per l'Expo di Milano 2015, la puntata di oggi de Il Tempo e la Storia si conclude con uno spazio in cui lo storico Mauro Canali spiega il significato delle Esposizioni Universali nella storia del Novecento, concentrandosi in particolare sull’Expo di Milano del 1906.

Il tempo e la Storia. Tutto cambia: la scuola ai tempi del boom, con Mauro Canali.

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo