Seguici    
Accedi
 
 Let`sApp, la piattaforma di e-learning per lo sviluppo di App dedicata gli studenti delle scuole secondarie superiori di tutta Italia

Let`sApp, la piattaforma di e-learning per lo sviluppo di App dedicata gli studenti delle scuole secondarie superiori di tutta Italia

In occasione di JobOrienta, il salone nazionale sull’orientamento, scuola, formazione e lavoro in programma a Verona fino al 26 novembre, Samsung e MIUR presentano Let’sApp, un nuovo progetto rivolto a tutti gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado italiane, pensato per avvicinare i ragazzi al mondo delle applicazioni per dispositivi mobili, attraverso un corso di formazione online che offre la possibilità di acquisire capacità nello sviluppo di applicazioni Android.
 
Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha riconosciuto negli obiettivi del progetto un allineamento con l’impegno dell’attuale di Governo nell’evolvere le modalità di apprendimento attraverso le nuove tecnologie. Inoltre rappresenta un esempio di collaborazione virtuosa tra il mondo aziendale e quello istituzionale, in grado di promuovere competenze avanzate sempre più richieste dal mercato e sviluppare attitudini che offrono ai giovani italiani un vantaggio competitivo durante il percorso scolastico e, in futuro, professionale.
 
Let’sApp si concretizza in un programma di mentoring e avvicinamento alle nuove tecnologie rivolto ai giovani italiani che, attraverso una piattaforma di e-learning, potranno acquisire competenze di base sulla programmazione facendo leva sull’ambiente di sviluppo MIT App Inventor con l’obiettivo, alla fine del percorso, di realizzare un’applicazione per smartphone su piattaforma Android. ll corso è strutturato in 10 diversi moduli, per una durata totale di circa 10 ore, che alternano nozioni teoriche a demo pratiche, ciascuno dei quali si conclude con un test, il cui superamento è strettamente necessario per accedere al modulo successivo. Un tutor insieme a messaggi audio e video guiderà gli studenti e li accompagnerà per tutta la durata del training.
 
Parte integrante della formazione sono le cosiddette “Soft Skills” - quali ad esempio Digital Marketing, Presentation skills e Comunicazione - competenze trasversali essenziali per un inserimento efficace nel mondo del lavoro che sono sempre più apprezzate e richieste perché consentono alle aziende di avere risorse in grado di adattarsi con flessibilità e velocità ai cambiamenti del mercato.
 
Tutti gli studenti che completeranno con successo il corso riceveranno dal proprio istituto di appartenenza un certificato di frequenza, che potrà essere utilizzato per il riconoscimento dei relativi crediti formativi da parte del Consiglio di Classe.
 
Il progetto risponde all’evoluzione del mercato digitale che vede il mobile e il mondo delle App in forte crescita nel nostro Paese. Se infatti sono 156 miliardi le app scaricate nel 2015 a livello globale (Fonte: Idc), in Italia, invece, sono stati spesi 300 milioni di euro per l’acquisto di app per smartphone, cifra che è cresciuta del 30% rispetto all’anno precedente. Sono inoltre più di 1000 le aziende locali e multinazionali che in Italia attualmente operano nel settore Mobile. (Fonte: Osservatorio Mobile B2C Strategy della School of Management 2016 del Politecnico di Milano)
 
“L’Italia è un Paese dinamico e dalle grandi potenzialità, ammirato in tutto il mondo per le sue eccellenze. Ma non solo: l’Italia è anche il Paese che vanta la più alta penetrazione di smartphone in Europa a conferma che gli Italiani sono pionieri nell’innovazione e attenti alle opportunità e ai benefici che le nuove tecnologie possono generare” ha spiegato Mario Levratto, Head of Marketing and External Relations Samsung Electronics Italia. “Samsung, che è presente in Italia da 25 anni, si sta impegnando a fondo in questa direzione, per sostenere e diffondere in modo capillare una cultura del digitale. Lo facciamo con la nostra tecnologia avanzata, ma soprattutto attraverso progetti come Let’sApp in grado di offrire a tutti gli studenti - da coloro che vivono nelle grandi città ai giovani che invece risiedono nei centri più remoti – competenze evolute che contribuiranno a renderli professionisti qualificati e competitivi e ad alimentare l’innovazione nel nostro Paese.”
 
“L’iniziativa, unica per la valenza formativa e l’originalità, è un ulteriore passo avanti nel promuovere una cultura dell’innovazione tra gli studenti , accelerando il processo di digitalizzazione delle scuole. Si tratta di un progetto che coltiva  la curiosità e la passione dei ragazzi  per i trend della tecnologia digitale, ormai protagonista della nostra vita. Con l’aiuto dei docenti e dei tutor di Samsung tutti gli studenti potranno confrontarsi con quelle che sono le proprie capacità di problem-solving, sviluppando nuove competenze e familiarità con il linguaggio digitale e la programmazione, avendo la possibilità di cimentarsi nella sfida creativa di realizzazione di App per android in un contesto altamente formativo. Questa collaborazione con Samsung Italia dimostra, ancora una volta, un impegno attivo nel voler alimentare un cambiamento già avviato con l’investimento nel Piano Nazionale Scuola Digitale.” Ha spiegato il Sottosegretario al Miur, Gabriele Toccafondi “Vogliamo aprire le scuole a nuovi standard formativi in linea con le esigenze del mercato del lavoro attuale poiché coltivare il talento dei giovani, promuovendo competenze tecniche avanzate, è un impegno che ci siamo presi  con i ragazzi ancor prima che una politica scolastica.” Ha concluso Toccafondi.
 
La piattaforma Let’sApp è disponibile a partire dal 28 novembre al seguente link: www.letsapp.it. La partecipazione è aperta a tutti gli studenti iscritti a una scuola secondaria di secondo grado di qualsiasi tipologia e indirizzo, previa registrazione sul sito internet dove occorre indicare la scuola di appartenenza, il nome del dirigente scolastico e i dati della Carta dello Studente. Samsung sarà a disposizione degli studenti interessati durante JobOrienta presso lo stand del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. 

Vedi le altre puntate