Seguici    
Accedi
 

Papa Giovanni XXIII: le prime riforme

L`unità è tratta dalla serie del 1999 La grande storia in prima serata. Il Papa buono.


Angelo Giuseppe Roncalli, eletto papa il 25 ottobre 1958 con il nome di Giovanni XXIII, porta aria nuova in Vaticano: abolisce il bacio del piede e le formule "illuminato Santo Padre" e "auguste labbra".

Usa rigorosamente il latino, ma il suo messaggio è totalmente innovativo. La cifra peculiare della sua teologia, che afferma il primato della pietà sulla dottrina, diventa manifesta sin dai primi mesi del suo pontificato: il giorno di Natale del 1958 incontra i bambini ricoverati all’ospedale romano del Bambin Gesù e il giorno successivo si reca in visita al carcere romano di Regina Coeli.

Erano ottantotto anni che un pontefice non si avvicinava ai detenuti. Il 25 gennaio 1959 annuncia ai cardinali la prossima convocazione di un concilio ecumenico e l`aggiornamento del diritto canonico: il Concilio Vaticano II, aperto l’11 ottobre 1962 dopo ben quattro anni di preparazione, rispondeva all’esigenza di adattare la dottrina tradizionale alla sensibilità dei contemporanei.

La sua prima enciclica, Ad Petri Cathedram (29 giugno 1959), afferma l`aspirazione ecumenica all`unità dei cristiani e alla pace. Durante il suo pontificato Giovanni XXIII nomina trentasette nuovi cardinali, tra cui, per la prima volta, un prelato del continente africano.

Vedi le altre puntate