Seguici    
Accedi
 

Pasolini e la fede

Comunista, ateo, anarchico. Eppure religiosissimo. Una contraddizione apparente, in uno dei più complessi e trasgressivi intellettuali italiani: Pier Paolo Pasolini raccontato dal professor Alberto Melloni.

In primo piano le origini di Pasolini: la religiosità popolare che incontra il comunismo, il fascino esercitato dalla figura di Gesù di Nazareth che lo porta, nel 1963, a un lungo viaggio in Palestina e, poi, al film “Il Vangelo secondo Matteo”. Un interesse lo porta ad affrontare le tematiche religiose anche in altri film e a progettarne uno, rimasto solo sulla carta, dedicato a san Paolo.

I giudizi su di lui sono contrastanti: da una parte papa Giovanni XXIII “benedice ”il Vangelo secondo Matteo, dall’'altra Pasolini viene processato, e assolto, per vilipendio alla religione dopo il cortometraggio “La ricotta”. Ma a chi lo accusa di offendere la fede, Pasolini risponde che il vero nemico della religione è un altro: il consumismo. Anche se si rende conto che questa è una battaglia persa. Un pensiero che si accompagna a un presentimento: quello di essere una vittima predestinata. Quando, nel 1975, viene ucciso '’è chi pensa che la sua morte sia solo l'’inevitabile conclusione di una vita “sbagliata”. Ma, per altri, è l'’omicidio premeditato di un intellettuale diventato troppo scomodo.

Pasolini e la fede
con Alberto Melloni
di Arnaldo Donnini

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo