Seguici    
Accedi
 

R.A.M. 13 puntata

In questa puntata:

 

una nuova rubrica: "Orizzonti lontani: viaggiatori ed esploratori italiani". In collaborazione con la Società Geografica Italiana, la storia di straordinari “viaggiatori dell’ignoto”, a cavallo tra Ottocento e Novecento. 

In questa prima puntata, Orazio Antinori e Leopoldo Traversi. Mentre Antinori (1811-1882), fondatore della Società Geografica, è tra i più stimati conoscitori italiani del continente africano, sia centrale che orientale, Traversi (1856-1949), abbandonata la professione di medico, si dedica all'esplorazione dell'Africa orientale e dirige la stazione scientifica di Let Marefià, fondata proprio da Antinori.

 

Orizzonti lontani: viaggiatori ed esploratori italiani. (1) Antinori e Traversi. Regia di Federico Cataldi

 

I preziosi filmati del Fondo Pelikán dell’Archivio della Camera dei Deputati, sull’invasione di Praga del 20-21 agosto 1968. In quei drammatici giorni le armate sovietiche e del Patto di Varsavia mettono fine al progetto di riforma del sistema comunista: la “primavera di Praga”, iniziata nel gennaio dello stesso anno.

Jiří Pelikán, all’epoca direttore della televisione cecoslovacca, poi esule in Italia, ha portato con sé questi filmati, di grande qualità e impatto, che ci proiettano dentro quegli eventi, nelle strade delle città occupate, tra i carri armati e la popolazione che tenta di resistere. 

 

Praga ’68: finale di Primavera. Seconda parte.

 

Radio Bari fu la prima radio che riprese le trasmissioni all'indomani dell'8 settembre del 1943. L’emittente diede un importante contributo nella diffusione degli ideali di liberazione nell’Italia occupata, nell’opera di coordinamento delle varie realtà resistenziali, nonché nel rapporto con le migliaia di soldati italiani prigionieri nei Paesi occupati dai nazisti. Attraverso Radio Bari, quindi, raccontiamo quei mesi decisivi, dal luglio 1943 al gennaio del ’44, che culminarono con l'importante Congresso di Bari, quando, per la prima volta, tutte le realtà della resistenza italiana si ritrovarono, per definire le linee direttive del nuovo Stato italiano.

 

"Qui, Radio Bari", di Agostino Pozzi.

 

Torna la serie costituita dagli eccezionali e inediti documentari dell'Archivio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ci fanno rivivere la recente storia italiana con l’occhio delle istituzioni

Rai Storia ha sottoscritto un accordo con il Dipartimento per il recupero digitale dei supporti originali in alta qualità, per restituire i colori, la definizione dell'immagine e dell'audio di questi titoli, originariamente su supporto in pellicola, relativi al periodo storico dal 1948 fino al 1980 circa. 

In questa puntata, "Made in Italy", del 1953: una sorta di catalogo dei primati italiani nei prodotti per l’esportazione, in “stile INCOM”, con il contributo di grandi personaggi del nostro cinema, quali Sofia Loren, Anna Magnani e Vittorio De Sica.

 

Made in Italy (1953). Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

Per la nuova rubrica "Noi c'eravamo. Corrispondenti dal fronte", lo storico Mauro Canali ci fa conoscere straordinari corrispondenti di guerra, i cui articoli, reportage e fotografie ci hanno raccontato “dal vivo” i tremendi conflitti del Ventesimo secolo. 

In questa puntata, Gerda Taro (1910-1937), fotografa tedesca. Nata da una famiglia di ebrei polacchi, lascia la Germania dopo essere stata arrestata per legami con i comunisti. A Parigi conosce André Friedman, un ebreo comunista ungherese, fotografo, che le insegna le tecniche del mestiere. Si fidanzano e cominciano a lavorare insieme. Lui prende il nome di Robert Capa. I loro reportage fotografici dalla Guerra civile spagnola li rendono entrambi famosi. Gerda Faro muore tragicamente a soli 26 anni proprio sul fronte di quella terribile guerra.

 

Noi c'eravamo: Corrispondenti dal fronte. (1) Gerda Taro. Regia di Federico Cataldi.

 

R.A.M. Ricerca-Archivio-Memoria,

di Andrea Branchi, Francesco Censon e Gianluca Miligi.

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo