Seguici    
Accedi
 

Vincenzo Bellini: il melodramma romantico

I filmati di alcune fra le più celebri opere di Vincenzo Bellini (nato a Catania il 3 novembre 1801 e morto a Puteaux il 23 settembre 1835) fanno da contrappunto alle parole del musicologo Giampiero Tintori che ricostruisce la breve ma straordinaria parabola artistica del compositore siciliano.
Nato in una famiglia di musicisti, che seppe riconoscere per tempo il suo precoce talento, Bellini entrò nel conservatorio S.Bartolomeo di Napoli nel 1819. Il successo ottenuto nel 1826 con la rappresentazione, al S.Carlo, di Bianca e Fernando gli aprì le porte della Scala di Milano, dove l’anno successivo andò in scena Il pirata che lo consacrò come uno dei massimi compositori d’opera del suo tempo. Seguiranno molti successi, tra cui La sonnambula, La Norma , entrambe del 1831, e la sua ultima opera, I puritani, del 1835. Il 23 settembre dello stesso anno Bellini morirà a Parigi.
La sua musica, solo apparentemente facile, è frutto di una ricerca accuratissima e del tutto peculiare che conferì alle sue opere un’impronta unica, di cui è difficile riconoscere degli eredi.

Vedi le altre puntate