Seguici    
Accedi
 

Terza Pagina - pt 19

Le cinque notizie scelte questa settimana da Terza Pagina sono:
 
V. “Semplice come tutta la mia vita”. È la mostra che Mantova dedica a uno dei più grandi pittori del Novecento, il bolognese Giorgio Morandi. Dal 12 marzo al 4 giugno a Palazzo Te saranno esposte 50 sue opere tra dipinti, acquerelli, disegni e incisioni. Come parte integrante della rassegna verranno proiettati due film diretti dalla video artista inglese Tacita Dean: “Still Life” e “Day for Light”, girati nella casa-studio bolognese di Morandi nel 2009. Un dialogo a distanza quello tra i due artisti che ruota intorno al tema della natura morta, il soggetto preferito dal pittore italiano.
Dall'archivio delle Teche Rai una sua intervista d'epoca.
 
IV. Il Vangelo dei Pupi. Il coreografo Virgilio Sieni e il celebre "puparo" palermitano Mimmo Cuticchio collaborano nel progetto "Vangelo": il racconto di alcune “tappe” del testo cristiano attraverso l'interazione tra danzatori e marionette. Lo spettacolo vedrà il coinvolgimento di pupi, danzatori professionisti e cittadini della Kalsa, il quartiere storico di Palermo, tutti in scena insieme a rappresentare gli episodi evangelici. Il progetto sarà itinerante: da qui a fine anno si muoverà in vari luoghi del quartiere dedicando ad ognuno di essi rappresentazioni differenti.
Dall'Archivio delle Teche Rai un'intervista in cui Mimmo Cuticchio spiega il "mestiere" dei pupi.
 
III. Guernica: "lo strazio e l'icona". Ottanta anni fa, il 26 aprile 1937, il bombardamento della cittadina basca di Guernica ad opera dell'aviazione tedesca appoggiata da quella italiana spianava la strada al regime del dittatore Francisco Franco e costituiva una sorta di prova generale della Seconda Guerra Mondiale. Pablo Picasso rimaneva profondamente colpito dalla distruzione della città e, in occasione dell'Exposition Internationale di Parigi,  la ritraeva nel celebre dipinto omonimo, uno dei quadri più famosi al mondo, sicuramente uno dei più importanti della storia dell'arte.
Dall'Archivio delle Teche Rai un'intervista del 1967 tratta dalla celebre trasmissione "L'approdo" in cui a Picasso racconta la genesi del dipinto.
 
II. La scomparsa di Derek Walcott. Moriva lo scorso 17 marzo Derek Walcott, scrittore e poeta caraibico, premio Nobel per la Letteratura nel 1992. Scriveva soprattutto in inglese, ma l'altra lingua usata in alcune sue opere minori fu il patois creolo della terra natale, l'isola di Santa Lucia, usata come dato poetico per raccontare crogiolo di popoli, razze e culture proprio delle Indie occidentali. La sua opera si distingue per l'originalità del dettato, la fantasia visionaria e la presenza di temi metafisici. Il suo poema più noto, "Omeros", si riferiva alla grecità antica, ma nella struttura dei versi richiamava la Commedia di Dante.
Dall'Archivio delle Teche Rai una sua recente intervista.
 
I. Carlo Cassola, un anniversario. Cento anni fa, il 17 marzo 1917, nasceva a Roma lo scrittore Carlo Cassola, premio Strega nel 1960 con "La ragazza di Bube", il romanzo sui i problemi politici e sociali del dopoguerra reso celebre dall'omonimo film di Luigi Comencini con Claudia Cardinale e George Chakiris. Uno scrittore molto lontano dalle avanguardie, Carlo Cassola, che preferisce il racconto minimale del quotidiano ai grandi passaggi sociali e alle rivoluzioni (motivo per cui sarà coinvolto in feroci polemiche con il Gruppo '63, che lo definì "la nuova Liala"). Negli ultimi anni di vita si riscopre ecologista e antimilitarista e fonda nel 1978 quella “Lega per il disarmo unilaterale dell’Italia” che ancora oggi promuove l’obiezione fiscale alle spese militari. Uno scrittore da riscoprire.
A commentare le notizie in studio insieme ad Armando Massarenti, responsabile della “Domenica” del Sole 24 Ore, ci sarà Moni Ovadia, attore, drammaturgo, scrittore, compositore, musicista, cantante, da sempre dedito al recupero e alla rielaborazione del patrimonio culturale ebraico dell'Est Europa.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo