Seguici    
Accedi
 

Terza Pagina- pt 6

Le cinque notizie scelte questa settimana da Terza Pagina sono:

V. I musei italiani non sono fotogenici. Il sito Artnet News ha da poco pubblicato una classifica dei musei più presenti su  Instagram. Al primo posto c'è il Louvre di Parigi, seguito dal Metropolitan e dal MOMA di New York. Fanalini di coda i musei italiani, i primi a comparire in classifica sono i Musei Vaticani al 18° posto. Perché il pubblico internazionale non sente la necessità di condividere sui social l'esperienza di trovarsi faccia a faccia con un quadro di Botticelli o una statua del Bernini? Quali sono gli stimoli che spingono il pubblico a raccontare alla comunità di appartenenza la propria esperienza museale?


IV. Polemiche caravaggesche alla Pinacoteca di Brera. Sede di una delle collezioni di quadri più preziose al mondo, la Pinacoteca di Brera è ora al centro di un'aspra polemica per via delle recente mostra “Attorno a Caravaggio”. L'oggetto della discordia è la tela "Giuditta e Oloferne", seconda versione della più celebre composizione realizzata a Roma nel 1602. Questa variante, composta da Caravaggio a Napoli, è andata perduta nel corso del XVII secolo. Salvo poi essere ritrovata nel 2014 in una soffitta di Tolosa, acquisita dall'antiquario francese Eric Turquin e autenticata dallo studioso Nicola Spinosa. Ma è giallo sulla reale validità dell'attribuzione al grande maestro lombardo, al punto che lo storico dell'arte Giovanni Agosti, membro del Comitato scientifico della Pinacoteca, ha deciso di dimettersi in polemica con la decisione del direttore James Bradburne di esporre comunque la tela.


III. L'arte della Bibbia. E' da poco uscito per Einaudi il libro “L'arte della Bibbia. Manoscritti miniati del Medioevo” di Scot McKendrick e Kathleen Doyle. Un volume che ci consente di conoscere e di apprezzare una delle arti meno note ma più raffinate del Medioevo: quella delle miniature, le illustrazioni minuziose, ricchissime di particolari e tinte preziose, che accompagnavano i testi sacri. I due autori hanno scelto, riprodotto e commentato 45 miniature delle Bibbie conservate nella celeberrima British Library di Londra, restituendo a loro l'antico splendore e conducendo noi attraverso un millennio di storia.
Dall'archivio delle Teche Rai abbiamo estratto un servizio dedicato ai codici miniati.


II. "Jerusalem, 1000 - 1400".  Al Metropolitan Museum di New York è in corso una mostra dedicata a Gerusalemme, la Città santa, il fulcro delle tre religioni monoteiste: Ebraismo, Cristianesimo e Islam. Un'esposizione di più di 200 oggetti tra manoscritti, mappe, pitture, sculture e frammenti architettonici, provenienti da molti Paesi differenti oltre che dalla stessa città, e che ci restituisce perfettamente l'incredibile varietà di influenze che si concentrarono in questo luogo complesso e straordinario. Una sorta di “macchina del tempo” che collega il mondo dell'epoca a quello attuale: una meravigliosa esposizione degli impulsi e delle emozioni collettive che, dai tempi delle Crociate, non hanno cessato di influenzare gli affari umani.
Sulla storia di Gerusalemme abbiamo un approfondimento tratto dall'archivio delle Teche Rai.


I. Lascaux, la "Cappella Sistina del Paleolitico". Scoperto per caso nel 1940 da quattro ragazzini a spasso nei boschi, il complesso di caverne di Lascaux è un tesoro di oltre 600 pitture rupestri risalenti a quasi 18mila anni fa e definito per la sua complessità e bellezza la "Cappella Sistina della Preistoria". Chiuso nel 1963 perché incapace di reggere il continuo flusso di visitatori, riapre oggi - ricostruito in scala 1:1 - all'interno di un edificio-museo poco lontano dal luogo d'origine (a Montignac, nella Francia sud-occidentale). Un ambiente di 900 metri quadrati le cui pareti riproducono esattamente la superficie, il rilievo, e gli ornamenti artistici dell'originale. Si chiama Lascaux 4: un "centro internazionale di arte parietale".
A commentare le notizie in studio insieme ad Armando Massarenti, responsabile della “Domenica” del Sole 24 Ore, ci sarà lo storico dell'arte Alvar Gonzàlez-Palacios.
 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo