Seguici    
Accedi
 

30 incontri italo-francesi sul Mondo di domani. Un omaggio a Leonardo da Vinci

 

Il rapporto essere umano - macchina e Leonardo da Vinci, studioso e profondo conoscitore dell’uomo ma anche inventore di macchine, scienziato artista e pensatore, illustre trait d’union culturale tra Italia e Francia.

Nasce da qui, sul solco delle manifestazioni in omaggio al genio toscano del Rinascimento, il ciclo di 30 incontri italo-francesi sul Mondo di domani realizzati a partire dallo scorso 8 settembre e fino all’8 dicembre, dall’Institut français Italia. In partenariato con università, centri di ricerca, festival e istituzioni dei due Paesi europei, si svolge in 10 diverse città italiane.

Sulla base della lunga e consolidata tradizione di dialogo scientifico e tecnologico tra Francia e Italia in Europa, il progetto si propone, attraverso un fitto programma di incontri pluridisciplinari, di approfondire uno dei temi più attuali del momento: il rapporto tra Mondo macchina e Mondo vivente.

Gli incontri verteranno soprattutto su biorobotica e intelligenza artificiale: “Due settori di ricerca e di sviluppo nei quali l’Italia e la Francia sono leader mondiali nella corsa globale all’innovazione”, spiega l’ambasciatore francese Christian Masset. Ma, affrontare questi delicati temi “significa anche suscitare una riflessione sulle rivoluzioni etiche e sociali legate a queste innovazioni tecnologiche, responsabilità che Francia e Italia, in virtù della loro comune cultura umanistica, sono in grado di condividere”.

Molti gli ospiti, scienzati, intellettuali, artisti, chiamati ad intervenire: dal premio Nobel per la Fisica 2018 Gérard Mourou,.al filosofo francese Bernard Stiegler, agli storici Pascal Brioist e Andrea Bernardoni, alla studiosa di pensiero femminista Geneviève Fraisse a Barbara Mazzolai, Direttrice del Centro di Micro-BioRobotica e molti altri.

Per il programma dettagliato della manifestazione: Omaggio a Leonardo

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo