Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Adriaan Peperzak: televisione e immaginario collettivo

Il filosofo Adriaan Peperzak in un'intervista tratta dall'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche ascrive al mezzo televisivo una grande responsabilità nella creazione dell`immaginario collettivo. Muovendo da questa convinzione, egli asserisce la necessità di un codice etico che non deve riguardare solo gli esperti del settore, come sostiene Popper, ma deve essere esteso anche ad altri soggetti - filosofi, scienziati, educatori - coinvolti nel processo di conservazione e correzione di certe tradizioni.
Attualmente lo spettatore televisivo è un osservatore esterno di vicende che non lo riguardano. La televisione, anziché coinvolgere lo spettatore, lo emargina e, così facendo, diviene espressione di una cultura museale.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo