Seguici    
Accedi
 

Affinati legge A Silvia di Leopardi

Eraldo Affinati legge A Silvia, la poesia di scolastica memoria che Giacomo Leopardi compone tra il 19 e il 20 aprile del 1828 in memoria di Teresa Fattorini, la figlia del cocchiere di casa Leopardi a Recanati, morta di tisi nel fiore della giovinezza. "Una semplicità solo apparente - spiega Affinati -, costata al poeta molte stesure. Il verbo rimembrare ci ricorda che, se il tempo ci illude, siamo noi che dobbiamo reinventare il passato".

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo