Seguici    
Accedi
 

Alberto Abbruzzese: nuovi media, nuovi linguaggi

In una puntata del Grillo-Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche del 1998, il sociologo Alberto Abruzzese risponde i alle domande di alcuni studenti sul futuro delle comunicazioni. Oltre a discutere del passaggio dai mezzi di comunicazione tradizionali (stampa, radio, tv generalista) ai nuovi media (tv via cavo, via satellite, Internet) e alla differenza di programmazione tra reti generaliste e canali tematici, il massmediologo affronta temi di carattere sociologico e antropologico, quali la diffusione dei "valori metropolitani", che rappresentano l`enorme utenza della televisione, oppure la possibile spersonalizzazione dell`individuo, che farebbe del linguaggio mediatico, in particolare pubblicitario, un fenomeno negativo tout court.
L`intervento del filosofo Paul Virilio è incentrato sull`innovazione estrema verso la quale la nostra società si orienta al fine di velocizzare la comunicazione e sulla possibilità che la tecnologia per la comunicazione divenga parte fisiologica del corpo umano, facendo dell’idea di uomo-macchina una realtà concreta.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo