Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Alberto Oliverio: storia delle emozioni.

Alberto Oliverio parla della concezione che la cultura occidentale ha avuto delle emozioni nel corso del suo sviluppo storico.
Nella filosofia dualistica di Cartesio, incentrata sulla contrapposizione di mente e corpo, esisteva una netta distinzione tra la razionalità e le emozioni, ossia tra quelle che venivano considerate le proprietà proprie dell’uomo in modo peculiare e ciò che si legava alla sfera animale, all’“esprit de bête”. Le emozioni venivano intese alla stregua una serie di automatismi e comportamenti più semplici di quelli governati da un’anima capace di risposte di tipo cognitivo.
Soltanto nell’Ottocento, e in particolare con le ricerche di Charles Darwin, le emozioni sono diventate oggetto di studio sistematico da parte della psicologia e della biologia. Il punto di vista evoluzionistico fece emergere l’importante valenza comunicativa che le emozioni hanno avuto un tempo: un’espressione di paura, per esempio, poteva segnalare un pericolo. Anche l’aspetto fisiologico venne messo in rilievo dallo scienziato inglese, il quale studiò i fenomeni comportamentali e fisici legati alle emozioni, nonché la loro storia relativamente allo sviluppo dell’individuo.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo