Seguici    
Accedi
 

Aristotele e l`etica: le virtù dianoetiche

I filosofi francesi Pierre Aubenque (L'Isle-Jourdaine, 23 luglio 1929) e Paul Ricoeur (Valence, 27 febbraio 1913 – Châtenay-Malabry, 20 maggio 2005), in un’intervista dell'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche, discutono delle virtù dianoetiche, o virtù dell’intelletto, di cui Aristotele (Stagira, Grecia 384 a.c. – Eubea, Grecia 322 a.c.) tratta nei libri I, VI e X dell`Etica Nicomachea.
Nella dottrina morale aristotelica le virtù morali dianoetiche riguardano propriamente la noesis, ovvero l’intuizione intellettuale, e sono quindi le virtù del filosofo, legate alla razionalità, diversamente dalle virtù etiche, come la giustizia e il coraggio, inerenti invece alla sfera pratica della ragione. Tra le virtù dianoetiche, quella dotata di maggiore rilievo per Aristotele è la phrònesis, saggezza (o prudenza), in quanto chi la possiede sa deliberare in modo giusto, svolgendo un ruolo determinante anche per la comunità.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo