Seguici    
Accedi
 

Arnold Schönberg e Igor Stravinskij: una falsa antinomia

Il compositore Luciano Berio ripercorre gli inizi della musica del Novecento attraverso le figure di Arnold Schönberg (1874-1951) e Igor Stravinskij (1882-1971). In particolare, viene respinta la contrapposizione definita dal filosofo Theodor W. Adorno (1903-1969) tra un progresso musicale, incarnato dal primo, e una restaurazione musicale, incarnata dal secondo. Schönberg, secondo l’interpretazione del filosofo e musicologo tedesco, con la sua ricerca tesa a scardinare le regole sottese alla musica tonale attraverso il metodo dodecafonico, rappresenterebbe il polo della responsabilità storica, in antitesi al carattere irresponsabile e convenzionale della musica di Stravinskij.
Ricco di immagini di repertorio e di testimonianze, tra cui un'intervista al compositore John Cage, che di Schönberg fu allievo, il filmato mostra le immagini dei doppi funerali di Stravinskij: a New York, e a Venezia, dove si vede lo stesso Luciano Berio.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo