Seguici    
Accedi
 

Brain import - Laboratorio di fisica nucleare del Gran Sasso

Sotto 1400 metri di roccia dolomitica, il Gran Sasso ospita un laboratorio di fisica nucleare unico al mondo specializzato nello studio delle particelle di cui è composta la materia, un luogo in grado di attirare in Italia molti ricercatori provenienti dall’estero e di invertire quindi il normale flusso della cosiddetta fuga dei cervelli. Sul ponte di comando, a coordinare il pool di ricercatori italiani e stranieri (molti dei quali giapponesi) e la quindicina di esperimenti attualmente in corso, siede una donna, Lucia Votano, che invita alla massima cautela riguardo all’argomento scientifico più gettonato di questi mesi: la velocità dei neutrini. Insieme alla materia oscura, i neutrini rappresentano infatti una delle sfide scientifiche più esaltanti del nostro tempo: particelle quasi prive di massa che nascondono forse preziosissime informazioni sulle origini dell’universo. I ricercatori del laboratorio del Gran Sasso spiegano la natura di alcuni esperimenti condotti anche in collaborazione con il Cern di Ginevra.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo