Seguici    
Accedi
 

CAVALLERIA: IL MITO DI ARTÙ E ORLANDO

Sulla scorta di immagini di pupi siciliani che mettono in scena delle vicende del ciclo carolingio, Stefano Gasparri, ordinario di Storia medioevale all`Università di Genova, spiega le origini storiche della figura del paladino Orlando. Dopo delle sequenze tratte da Carlo Magno, di Clive Donner (1984), Gasparri sottolinea come l`epica carolingia sia pervasa "da uno spirito tutto dell`XI secolo: quello delle Crociate", uno spirito che si può sintetizzare nella formula: "i Pagani hanno sempre torto e i Cristiani hanno sempre ragione".
L`attore Arnoldo Foà recita alcuni versi della Chanson de Roland, mentre Gasparri si sofferma sulla basi storiche e leggendarie dell’altro grande eroe medievale: Artù.
Alcune sequenze de I cavalieri della Tavola Rotonda, di Richard Thorpe (1956), fanno da sfondo ad una digressione sul ruolo dei sovrani e principi inglesi nella diffusione del mito arturiano.
La parte conclusiva del filmato comprende un`intervista a Gherardo Ortalli, professore di Storia medioevale all`Università di Venezia, sul tema della precoce fortuna italiana, che va dalla letteratura alla toponomastica, dei cicli arturiano e carolingio.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo