Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Cristina Mussinelli: lettura accessibile e inclusione

Durante Tempo di Libri, la fiera dell’editoria di Milano appena conclusa, abbiamo incontrato Cristina Mussinelli, segretario generale della Fondazione LIA, un’associazione nata solo nel 2014 ma che ha già sviluppato e porta avanti numerosissime attività per promuovere la “lettura accessibile”, una lettura cioè che sia davvero accessibile a tutti, comprese le persone non vedenti o con disabilità visiva, per permettere così di fruire tutti, nessuno escluso, degli stessi libri.

Con Cristina Mussinelli abbiamo parlato di lettura accessibile, del cruciale utilizzo dell’evoluzione tecnologica e digitale nello sviluppo di forme di lettura inclusive verso le persone con disabilità visiva, della Fondazione LIA e dei cosiddetti “reading al buio” che la fondazione organizza periodicamente proprio per sensibilizzare e avvicinare soprattutto i bambini e i ragazzi alla lettura accessibile.

 

La Fondazione LIA nasce nel 2014 con lo scopo di promuovere il libro e la lettura in tutte le sue forme tradizionali e digitali, attraverso attività di educazione, informazione, sensibilizzazione e ricerca, garantendone i principi fondamentali: accessibilità, integrazione e socialità. In particolare le attività e le iniziative di LIA sono finalizzate ad ampliare l’accesso ai prodotti editoriali di tutte le categorie deboli, anche attraverso l’innovazione tecnologica. La Fondazione LIA è promossa dall’AIE (Associazione Italiana Editori) e dal MiBACT - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e collabora attivamente con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI).

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo