Seguici    
Accedi
 

DARIUS MILHAUD

In questa unità audiovisiva, il compositore Luciano Berio intervista Darius Milhaud (1892 – 1974). Dopo avere studiato musica a Parigi, Milhaud si trasferì per due anni in Brasile come segretario dell’ambasciatore Paul Claudel a Rio de Janeiro. Rientrato nella capitale francese, conobbe Claude Debussy, Erik Satie e Jean Cocteau ed entrò a far parte del Gruppo dei Sei (con Honegger, Auric, Tailleferre, Durey e Poulenc). La sua produzione creativa, intensa dal 1920 in poi, andò progressivamente affrancandosi dalla poetica del “gruppo”, accogliendo in una sintesi del tutto inedita diverse suggestioni musicali, da quelle del folklore sudamericano, che il musicista aveva avuto modo di studiare, a quelle del jazz, dalla musica politonale al neoclassicismo.
Allo scoppio della seconda guerra mondiale Milhaud, di religione ebraica, si trasferì negli Stati Uniti, dove rimase fino al 1947. Nel 1956 fu nominato presidente dell`Académie du Disque Français.
La sua vastissima produzione comprende anche venti opere teatrali.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo