Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

DINO CAMPANA. IL TESORO DELLA POESIA ITALIANA

Guido Davico Bonino sottolinea lo stretto legame esistente tra la vita e l`opera di Dino Campana (Marradi, Firenze 1885 – Castel Pulci, Firenze 1932). Il poeta, nella sua inquieta e dolorosa esistenza, alternò i turbolenti viaggi che lo portarono in Argentina, Russia, Belgio, e ripetutamente in Francia e in Svizzera, ai ricoveri in manicomio. L`ultimo, iniziato nel 1918, si concluse nel 1932, anno della sua morte.
La lirica visionaria e intensa dei Canti orfici è tutta attraversata dalla sofferenza e dall`instabilità mentale, condizione in cui il non vedere si identifica con un vedere acutissimo, popolato di sogni, allucinazioni, dove gli oggetti e i corpi, e in particolare quello femminile, sono motivo di tensione e di desiderio.
L`attore Luciano Virgilio legge, dai Canti: I piloni fanno il fiume più bello, La Chimera, L`invetriata,Il canto della tenebra, Viaggio a Montevideo e Donna genovese.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo