Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

EBRAISMO E DISEGUAGLIANZE SOCIALI. TRADIZIONI EBRAICHE

Un miliardo e duecento milioni di persone vivono con meno di un dollaro al giorno, due miliardi e ottocento milioni con meno di due dollari, in quarantuno paesi il reddito è sceso del 25% negli ultimi venti anni. Questi sono i dati che emergono dal resoconto di Staffan De Mistura, Direttore del Centro Informazioni ONU a Roma. Esiste un programma di sviluppo delle Nazioni Unite finalizzato ad ammortizzare l’insostenibile debito contratto da questi paesi. L’intervento del rabbino Benedetto Carucci riguardo le disparità come alterazione di un ordine originario, introduce l’idea ebraica di giustizia che concepisce l’atto del donare come atto non possibile ma dovuto. Carucci ricollega il problema del debito contratto dai paesi poveri alla tradizione ebraica di idea di giustizia e al tempo particolare del Giubileo. Ridurre il debito non è sufficiente, l’unica soluzione è cancellarlo e reinvestire in quei paesi, creando le basi per un’autonomia economica. De Mistura conclude sottolineando come finora USA ed UE abbiano assolto a meno della metà degli impegni presi negli accordi internazionali. Una interessante ed efficace iniziativa è quella del Commercio Equo e Solidale: negozi che propongono prodotti provenienti dai paesi in via di sviluppo, un piccolo contributo per una grande emergenza.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo