Seguici    
Accedi
 

#FameZero, lo slogan della Giornata Mondiale dell`Alimentazione 2018

 

“Le azioni sono il nostro futuro. Un mondo #Fame Zero entro il 2030 è possibile”. Il 16 ottobre, a questo tema sarà dedicata l’intera attività didattica nelle scuole italiane primarie e secondarie di primo e secondo grado, grazie ad un’iniziativa del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in accordo con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

L’importanza dell’iniziativa si comprende meglio se si prendono in esame i dati che la Fao (Food and Agriculture Organization), organo delle Nazioni Unite, ha divulgato in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione 2018 e che riguardano la piaga della fame nel mondo: 281 milioni di persone la soffrono, anche se produciamo cibo sufficiente per sfamare tutti. Il 60% di queste sono donne. E ancora: il 45% delle morti infantili è dovuto alla denutrizione, un terzo del cibo prodotto nel mondo va perduto o sprecato e il costo globale dello spreco ammonta a 2,6 trilioni l’anno. Nel 2050, per soddisfare la domanda alimentare, l’agricoltura dovrebbe arrivare a produrre almeno il 50% in più di cibo, nutrimenti e biocarburanti rispetto al 2012.

Nei paesi cosiddetti “sviluppati”, i numeri sono altrettanto preoccupanti anche se, per così dire, rovesciati rispetto a quelli che riguardano il terzo mondo: 1,9 milioni di persone sono in sovrappeso, di queste 672 milioni sono obese. E’ in aumento l’obesità e il sovrappeso sia di adulti che di bambini e 3,4 milioni di persone muoiono a causa di sovrappeso e obesità.

Cifre spaventose, dunque, che fanno intravedere un futuro di sempre maggiori squilibri tra aree del pianeta, popolazioni ricche e popolazioni povere.

“Cosa posso fare per raggiungere l’obiettivo di #FameZero”, lo slogan che il Ministero e la Fao lanciano in occasione dell’evento del 16 ottobrei è, invece, un messaggio di speranza ed incoraggia tutti, grandi e piccoli, a passare all’azione, ognuno con le proprie forze e secondo le proprie possibilità.

Le regole sono elementari e di buon senso: evitare gli sprechi, produrre di più con meno, seguire una dieta più sana e sostenibile. L’invito è rivolto in primis ai governanti ma anche alle società private, agli agricoltori, alle ONG, ai mass media fino ai semplici cittadini ma soprattutto alle generazioni che saranno adulte in un prossimo futuro.

Proprio ai giovani tra i 5 e i 19 anni è rivolto il concorso Poster della Giornata Mondiale dell’Alimentazione 2018. Si invitano bambini e ragazzi di tutto il mondo a far lavorare la fantasia realizzando un poster che rappresenti l’evento. Una volta ultimata l’opera, occorre scansionarla e compilare un modulo di iscrizione (entro il 9 novembre 2018).

 

Rai Cultura partecipa alla campagna di sensibilizzazione su questa tematica con  il programma scientifico Memex: Rai Scuola (c.le 146 del dgt), ore 10,30 e 14.00 domenica 16 ottobre.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo