Seguici    
Accedi
 

Francis Scott Fitzgerald: Tenera è la notte. Letture d`autore

Il 24 settembre 1896 nasceva a Saint Paul, nel Minnesota, Francis Scott Fitzgerald, considerato uno fra i maggiori scrittori statunitensi non solo della cosiddetta Età del jazz (1918-1930), ma più in generale dell’intero XX secolo.

Enzo Siciliano, scrittore e storico della letteratura italiana, parla del “romanzo della generazione perduta” Tenera è la notte (1934), di Francis Scott Fitzgerald (Saint Paul, Minnesota 1896 – Hollywood, California 1940).
La vicenda raccontata è quella dell’amore infelice del protagonista per una donna devastata dalla nevrosi. Quest’ultima nel romanzo non è vissuta come occasione di teorizzazione sui mali del nostro secolo, ma viene quasi ammirata con rapimento, come distruzione che arricchisce, penosa e affascinante perché provocata da un amore, dalla sua forza vitale. Fitzgerald, definito il “filosofo dell’età del jazz”, riesce a rappresentare in modo genuino, con la grazia e il ritmo della sua scrittura, la stessa estemporaneità che fu propria di quella musica nuova e assoluta che infrangeva le regole. Per questo motivo, dice Siciliano, Tenera è la notte costituisce uno degli esempi letterari di maggiore pertinenza con il nostro tempo.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo