Seguici    
Accedi
 

Gianfranco Maraniello: l`arte contemporanea

Gianfranco Maraniello, direttore del MART - Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, intervistato al Festival della Filosofia di Modena del 2017 “Le forme del creare”, parla delle nuove forme dell'arte contemporanea.

All’inizio del XX secolo l’arte ha conosciuto una svolta irreversibile, è venuta a conoscenza dei propri processi creativi, si è interrogata sulle proprie premesse ed è diventata un’arte che ha coscienza delle proprie condizioni di accadimento. L’arte riflettendo sulla condizione stessa di possibilità del proprio agire ripercorre il destino di tutti i grandi saperi e discipline del XX secolo, come la filosofia o la musica. L’arte contemporanea interroga le proprie premesse, le proprie condizioni di apparizione e quindi non è più concepita nella neutralità di un’opera autonoma rispetto alle condizioni del suo emergere. Per questi motivi il museo è oggi un luogo privilegiato nella riflessione degli artisti, diventa il presupposto per immettere oggetti nella storia dell’arte, oggetti che trovando collocazione nel museo definiscono il proprio statuto di opere d’arte.

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo