Seguici    
Accedi
 

GUIDO CAVALCANTI. IL TESORO DELLA POESIA ITALIANA

Guido Davico Bonino sottolinea quanto nell`opera di Guido Cavalcanti (Firenze 1250 - 1300) influiscano sia l`esperienza letteraria dello Stilnovo sia quella politica e personale dell`esilio.
Infatti, dai 52 componimenti (34 sonetti, 11 ballate, 2 canzoni, 2 stanze, 1 mottetto) attribuiti al poeta fiorentino emergono, da un lato, la visione drammatica dell`amore, dall`altro, la tenera malinconia per la lontananza forzata dalla Toscana.
Giancarlo Dettori legge: "Avete in voi il fior e la verdura", "In un boschetto trovai pastorella", "Una giovane donna di Tolosa", "Perch`io no spero di tornar giammai".

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo