Seguici    
Accedi
 

I Comitati di Liberazione Nazionale: i testimoni

Il senatore Leo Valiani (Fiume, 1909 - Milano, 1999) racconta a una classe liceale la Resistenza, organizzata dal Comitato di Liberazione Nazionale italiana, nelle regioni dell’Italia settentrionale, ancora occupata dalle truppe tedesche.
Il governo che i partiti antifascisti formarono nella Roma liberata, nel giugno 1944, prese alcune decisioni importanti per la liberazione del resto del paese. La prima fu l’elezione di un’assemblea costituente fra i membri delle istituzioni monarchiche e quelle repubblicane. Queste ultime avrebbero poi prevalso nel giugno del 1946. Inoltre, il governo delegò al Cln la rappresentanza del governo stesso nei territori occupati. Il Cnl organizzò insurrezioni che partirono dalle fabbriche occupate dai partigiani nelle maggiori città italiane, volte anche a dimostrare la volontà del popolo italiano di liberarsi dall’invasione nazista prima dell’intervento degli alleati. Di fatto, questo tipo di sovversione cittadina si sommò a quella delle campagne e all’intervento delle truppe americane, determinando la sconfitta dei tedeschi.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo