Seguici    
Accedi
 

IL PATERNALISMO PADRONALE NELL`ITALIA DELL`OTTOCENTO: IL CASO DI CRESPI D`ADDA

Il desiderio di stabilire un controllo assoluto sul lavoratore e la sua famiglia è sentito molto presto dalla classe padronale italiana. L`intento è quello di formare una nuova generazione operaia che abbia nel sangue la disciplina della fabbrica e che la trasmetta ai propri figli, in modo da avere un ricambio continuo della forza lavoro. Un intervento di Giancarlo Consonni della facoltà di architettura del Politecnico di Milano, spiega in maniera precisa questo processo e analizza il caso di Crespi d`Adda, città modello nata alla fine dell`800 intorno ai cotonifici della famiglia Crespi, in cui anche l`architettura ha un andamento gerarchico: dal castello del padrone, alle villette degli impiegati, alle case più semplici degli operai. Emblematiche le immagini del cimitero, dove svetta il mausoleo della famiglia Crespi circondato dalle piccole lapidi dei lavoratori. Una voce fuori campo ricorda il numero impressionante di morti, specie fra i fanciulli, vittime del primo impatto con l`industrializzazione.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo