Seguici    
Accedi
 

IL SOLDATO. USI E COSTUMI DELL`ANTICA ROMA

Le unità audiovisive dal titolo comune "Usi e costumi dell`antica Roma" propongono uno sguardo sulla vita quotidiana dei Romani, allo scopo di far uscire il latino dalle aule scolastiche, dai libri di grammatica o di versione e calarlo nella dimensione concreta di lingua viva, funzionale alla comunicazione di tutti i giorni.
L`architetto Giancarlo Rossi, in uno studio virtuale che riproduce gli interni di una villa pompeiana, con l`ausilio di diapositive che illustrano disegni e plastici, alternate a brevi sequenze di fiction, descrive l`armatura delle tre parti essenziali dell`esercito romano: i milites, i soldati classici, gli equites, i cavalieri, i velites, i soldati armati alla leggera. Nel primo caso vengono illustrate le funzioni del clipeus, lo scudo rotondo, della lorica, la corazza, del pilum, la lancia, del gladius hispanicum, la spada per colpire "di punta e di taglio". Nel secondo caso si ricorda che gli equites, dotati di armi leggere, cavalcano sullo stragulum, una coperta. I velites, invece, con il capo protetto dalla galea, l`elmo, sono dotati di hastae velitares, giavellotti lunghi circa un metro e venti centimetri, gladius, spada, e portano sulla spalla la parma, uno scudo rotondo.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo