Seguici    
Accedi
 

Ines Testoni. La psicologia della mafia

In questa intervista, realizzata in occasione del Congresso Internazionale in onore di Emanuele Severino: "All'alba dell'infinito. I primi 60 anni de La struttura originaria" (Brescia, 2 e 3 marzo 2018), Ines Testoni, docente di Psicologia sociale, all’Università di Pavia, racconta il suo libro “La frattura originaria. Psicologia della mafia tra nichilismo e omnicrazia”.

 

Il libro analizza la struttura di ideologie e sistemi di ragione che – nell'Occidente indicato da Severino come nichilismo che prima pensa la verità indubitabile poi la sua crisi irreversibile – radicalizza la frattura nei rapporti di genere, tra intimità e politica. Nello spazio della grecità, in cui accadono rivoluzioni essenziali – pólis, democrazia, coscienza tragica, storiografia – emerge l'apparire dell'ontologia che strappa il senso del vivere e del morire al mito, gettando nel terrore la loro rappresentazione e quindi lo stesso significato del nascere. Per tale angoscia, la precedente condizione della donna è rimasta incagliata alla soglia della tragedia, tanto che ancor oggi la massa femminile sembra psicologicamente incapace di farsi carico delle implicazioni che una cultura di cui l'uomo è stato l'unico interprete comporta in termini di violenza. Il testo rintraccia in quell'empasse la causa dell'attuale situazione di squilibrio sociale nelle differenze di genere. La mafia viene intesa come anticultura che, per potere di sfruttamento e fini di lucro, tramite ideologie in declino che mantengono la donna in uno stato di subordinata idiozia, dissipa le sue volontà di crescita, facendo perno sul bisogno di appagamento dei bisogni primari dell'animale umano. La risoluzione è rintracciata nella rivoluzione che la donna può adesso! attuare elaborando la colpa della maternità a partire dal sapere razionale dell'"eternità" e del senso dell'"esser già da sempre salvi".

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo