Seguici    
Accedi
 

ITALIA: CONSEGUENZE DELLA CRISI AMERICANA. LA GRANDE DEPRESSIONE

La crisi della Borsa americana del 1929 non poteva non ripercuotersi anche sull`economia italiana, ma il suo impatto fu sicuramente inferiore che in altri paesi. Mussolini si rese conto della gravità della situazione e mise in atto i correttivi in possesso del governo: incremento delle opere pubbliche, incoraggiamento delle intese tra produttori, incentivi all`agricoltura e, soprattutto, il controllo dei salari. I lavori pubblici e l`autarchia, anche come naturale risposta alle politiche protezioniste adottate dagli altri Paesi, permisero all`Italia di non essere investita in pieno dal crollo di Wall Street.
Nel 1935 la situazione sembrò normalizzarsi, ma si dovette attendere l`inizio degli anni Cinquanta perché l`economia italiana si ritrovasse su un nuovo e più sicuro sentiero di sviluppo.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo