Seguici    
Accedi
 

L` INGEGNERIA E LE STRADE. USI E COSTUMI DELL`ANTICA ROMA

Le unità audiovisive dal titolo comune "Usi e costumi dell`antica Roma" propongono uno sguardo sulla vita quotidiana dei Romani, allo scopo di far uscire il latino dalle aule scolastiche, dai libri di grammatica o di versione e calarlo nella dimensione concreta di lingua viva, funzionale alla comunicazione di tutti i giorni.
L`architetto Giancarlo Rossi, in uno studio virtuale che riproduce la Via Appia, sottolinea con Paolo Sommella, professore di Topografia dell`Italia antica presso l`Università di Roma La Sapienza, l`eccezionale abilità dei Romani nel costruire acquedotti, strade e ponti. Mediante il supporto di un plastico che raffigura Roma nell`età cesariana, Sommella ricorda che allo stesso Cesare risale l`unico piano regolatore della città di cui, tramite le Epistulae di Cicerone, si ha notizia. Rossi cita il passo del De bello Gallico in cui si parla, con un rigoroso lessico tecnico, della costruzione del ponte sul Reno. Segue un`analisi da parte del professor Sommella sulla novità rappresentata dall`iniziativa di Cesare: non più un "pons sublicius", fatto di palafitte verticali, ma costituito da grosse travi disposte a contrasto.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo