Seguici    
Accedi
 

L` ITALIA ENTRA IN GUERRA: ANTEFATTI. SECONDA GUERRA MONDIALE

Con l’ausilio di materiale d’archivio, l’audiovisivo ricostruisce gli eventi che precedettero e prepararono la partecipazione dell’Italia al secondo conflitto mondiale.
Il discorso sprezzante di Hitler al Reichstag, il 28 aprile 1939, in risposta a Roosevelt, che gli aveva chiesto di impegnarsi a non aggredire una serie di paesi, apre l’unità. Seguono le immagini di Mussolini in visita presso uno stabilimento della Fiat, il 15 maggio dello stesso anno. Da esse emerge l’atteggiamento tronfio del duce, che è convinto della propria superiorità su tutti. Né i cittadini italiani, né i suoi ministri, né i nazisti sono all’altezza del suo genio politico. Pochi giorni dopo, il 22 maggio, si compie la storica visita di Ciano a Berlino per firmare con Hitler il Patto d’acciaio. Sempre Ciano, il 10 luglio, si reca in Spagna per celebrare una vittoria, quella di Franco, che considera in parte un suo successo personale.
Filmati dell’epoca mostrano Goebbels a Danzica per la settimana della cultura. Sarà proprio la città libera di Danzica a diventare di lì a poco il teatro dello scoppio della crisi bellica. Intanto Hitler non informa gli italiani delle sue intenzioni. Mancano solo cinque settimane alla guerra, ma nessuno se ne rende conto. Il 23 agosto 1939, Germania e Russia firmano il patto segreto Molotov-Ribbentrop, che stabilisce la non aggressione reciproca e fissa i termini per la spartizione della Polonia. Il 25 agosto il ministro della propaganda del Reich è a Venezia per il festival del cinema. Sono le ultime immagini di pace.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo