Seguici    
Accedi
 

LA SATIRA NELL`ANTICA ROMA

L’unità didattica propone un excursus sull’evoluzione storica della satira nell’antica Roma. La satira è una critica alla vita sociale e politica che, assumendo come oggetto il potere che produce angoscia sui cittadini, lo esorcizza attraverso il riso.
Con Orazio (65 a.C. – 8 a.C.) la satira diventa persuasiva, geniale e piacevole; la vita quotidiana viene narrata senza asprezze né condanne feroci alla società ed alla classe politica. Nell’unità sono ricordati anche Seneca (5 a.C. - 65 d.C.) e Marziale (40 d.C. – 104 d.C. ca). Quest’ultimo, introducendo come unica forma della propria poesia l`epigramma, contrappone ai generi più illustri dell`epos e della tragedia, un genere a cui anche la comicità e l’umorismo odierni devono molto per la duttilità e la capacità di aderire in modo estremamente incisivo ai molteplici aspetti del reale.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo