Seguici    
Accedi
 

LA SONNAMBULA. COREOGRAFIA DI GEORGE BALANCHINE

L`unità didattica propone un Pas de deux di grande eleganza, interpretato da Alessandra Ferri e Mikhail Baryshnikov, che rivisita qui la coreografia di Balanchine. Nella versione originale il balletto finisce con il lieto fine, Thérèse riabbraccerà il fidanzato dopo essersi mostrata, in preda ad un crisi di sonnambulismo, sul cornicione del mulino. La versione di Baryshnikov, invece è per definizione un "balletto nero" alla Edgar Allan Poe. Al termine della festa il poeta resta solo nel giardino quando gli appare una donna misteriosa in veste bianca e candela in mano che danza sulle punte senza accorgersi di lui. Quando la fanciulla si ritira, il poeta, rapito dalla inaspettata visione, la segue. Informato, il padrone di casa, temendo il tradimento, ferisce a morte il poeta che rimane steso sulla scena fino all`arrivo della sonnambula che, al cospetto degli invitati, ne solleva il corpo senza vita allontanandosi come una pietà michelangiolesca, senza che il suo sguardo assente e inconsapevole tradisca alcuna emozione. Il balletto si avvale di alcuni temi musicali tratti dalla Sonnambula, e dai Puritani di Bellini, pur rimanendo, l`opera omonima, solo uno spunto.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo