Seguici    
Accedi
 

LA TEORIA DELLA FORZA ELETTRODEBOLE. STORIA DELLA SCIENZA

Il ciclo di unità audiovisive dal titolo comune Storia della scienza, tratte dal progetto di Rai Educational Pulsar, propone il racconto, in ordine cronologico, delle radicali trasformazioni introdotte dalla scienza e dalla tecnologia nel corso del Novecento.
Lo scopo è quello di offrire agli insegnanti un supporto didattico che, oltre a sintetizzare i concetti basilari, ponga l'accento su un aspetto spesso trascurato dai libri di testo: la dimensione storica e culturale che ha favorito il progresso scientifico.
L'unità ricostruisce le principali tappe della ricerca scientifica che condurrà, negli anni Sessanta, all'elaborazione della cosiddetta "teoria della forza elettrodebole", che consente l'unificazione della forza elettromagnetica con la forza debole. Per questa scoperta Steven Weinberg (1933), Abdus Salam (1926-1996) e Shaldon Glashow (1932) riceveranno il premio Nobel per la fisica nel 1979. Il filmato comprende un'intervista a Steven Weinberg. L'illustre fisico, dopo aver parlato dello studio delle particelle subatomiche dagli anni Quaranta in poi, si sofferma sulle conseguenze della teoria della forza elettrodebole, la cui correttezza, sottolinea la voce fuori campo, viene dimostrata negli anni 1983-4, in seguito ad alcuni esperimenti realizzati presso il CERN (Centro Europeo per le Ricerche Nucleari) di Ginevra.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo