Seguici    
Accedi
 

La vigilia di Caporetto

È il 1917. Per l’Italia è il terzo anno di guerra. Sul fronte dell’Isonzo il copione è sempre il medesimo: sparano le artiglierie, attaccano i fanti. Alla fine, più che i progressi, si contano i morti e i feriti. Il Generale Cadorna, decisionista e autoritario, non risparmia nessuno.  Non i suoi subordinati, non i  politici e la politica, non i soldati. In un trionfo della burocrazia applicata alle armi, inonda i comandi di circolari e di promemoria. Ha le proprie idee, le proprie convinzioni, le proprie certezze. Dubbi pochi. Per uscire dallo stallo, insiste sugli attacchi frontali, sanguinosi, dispendiosi, poco efficaci, mentre il nemico prepara la controffensiva.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo