Seguici    
Accedi
 

Leggere: Forte! Estate: ‘zone di lettura ad alta voce’ nei centri estivi

 Leggere: Forte! Estate: ‘zone di lettura ad alta voce’ nei centri estivi

Leggere ad alta voce a bambini e ragazzi, magari seduti sotto un albero, con l’operatore che facilita un viaggio fantastico dentro storie e racconti, come parte delle attività dei “centri estivi”: un modo piacevole di proporre un’esperienza divertente e al contempo di apprendimento nel rispetto di tutte le regole di sicurezza.

“Leggere: Forte! Estate”, è un progetto della Regione Toscana che da ottobre 2019 lavora alla relizzazione sul territorio di “Leggere: forte! Ad alta voce fa crescere l’intelligenza”. Accanto al divertimento, dopo un periodo di full immertion nella didattica a distanza, i ragazzi avranno la possibilità di acquisire o recuperare abilità cognitive e apprendimenti. Numerosi studi, italiani e internazionali, misurano gli incrementi positivi della pratica quotidiana di questa attività.

La politica è realizzata grazie alla collaborazione e alla direzione scientifica dell'Università degli Studi di Perugia (Dipartimento FISSUF, cattedra di Pedagogia Sperimentale), in collaborazione con l'ufficio scolastico regionale per la Toscana, Indire (Istituto nazionale documentazione innovazione ricerca educativa), Cepell (Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo) e la partecipazione di LaAV (Letture ad Alta Voce).

A disposizione degli operatori e degli animatori, un vero e proprio Vademecum che spiegherà loro come utilizzare uno stile narrativo o dialogato, per quanto tempo, in quale formazione. Ovviamente servono i libri e il vademecum suggerisce anche idee sui titoli, i temi da trattare, le indicazioni e i suggerimenti divisi per fasce d’età, dai 3 ai 14 anni. Ogni centro estivo della Toscana, ma anche d’Italia, può organizzare in autonomia un’attività di lettura ad alta voce e monitorare l’andamento dei risultati. Nel kit da scaricare sul sito di Regione Toscana sono comprese anche tabelle che aiutano l’operatore a raccogliere dati per poter valutare l'andamento dei progressi.

Perché leggere ad alta voce nei centri estivi? “I motivi sono così tanti che la vera difficoltà è sceglierne alcuni” dice Federico Batini, direttore scientifico del progetto. “Quando una bambina o un bambino, una ragazza o un ragazzo, vengono regolarmente esposti alla lettura, cominciano a capire meglio ciò che leggono e ciò che ascoltano anche in altre situazioni. Sono maggiormente capaci di prestare attenzione, di gestire, coordinare e organizzare le informazioni tra loro. Addirittura, comprendono meglio le proprie emozioni e le emozioni altrui, migliorano lo spirito critico e la capacità di assumere il punto di vista degli altri, anche quando sono molto diversi da loro.”

Il vademecum per “Leggere: Forte! Estate” e tutte le informazioni su “Leggere: forte! Ad alta voce fa crescere l’intelligenza” sono online su https://www.regione.toscana.it/-/leggere-forte-estate

Tags

Condividi questo articolo